Castellana Grotte, “Fiera del Caroseno”: Tutto pronto

Fiera del Caroseno

Tutto pronto per la Fiera del Caroseno che si svolgerà la mattina di domenica 8 settembre.

ℹ️ Il tradizionale evento si svolgerà in Via Roma, Via Dell’Olmo, Largo Portagrande, Largo San Giuseppe, Piazza Caduti Castellanesi, Via San Benedetto e Via Abate Eustasio. 167 le postazioni assegnate agli espositori.

Per consentire la viabilità nel centro cittadino si consiglia di parcheggiare presso le due aree di sosta individuate, ovvero, quella dell’Istituto Comprensivo “Angiulli-De Bellis” di Via Poerio e quella dell’Istituto Comprensivo “Tauro-Viterbo” di Via Polignano.

Sotto il profilo della sicurezza sono stati previsti il Punto di Primo Soccorso e quello di Prevenzione Incendi, entrambi avranno la base operativa in Largo Portagrande.

Un grande sforzo organizzativo da parte dell’assessorato alle Attività Produttive che ha coordinato il certosino lavoro degli uffici comunali interessati, in particolare lo sportello SUAP ed il corpo della Polizia Municipale.

Quella della mostra mercato detta “del Caroseno” ha radici antichissime che vanno ricercate nei solenni festeggiamenti religiosi della Madonna del Caroseno che si svolge sin dal 1692 ed è la seconda festa per importanza dopo quella della Madonna della Vetrana. In passato, proprio questi festeggiamenti erano meta di pellegrinaggio dai comuni limitrofi, ovviamente questo ha spinto i commercianti dell’epoca ad avviare un mercato per accogliere i pellegrini. E fu così che nacque questa antica tradizione. Era una grande occasione per i ragazzini dell’epoca per fare un po’ di soldini vendendo la gomma degli alberi (a lômme in dialetto castellanese, NDR), le mandorle avvizzite (mènele annegghjôte), i noccuoli delle pesche (i nôzzere di precûochele), così da poter comprarsi dei piccoli giochi in creta (a cantarèdde, u pegnateddùzze, u fresckètte), o ancor meglio farsi una scorpacciata di fichi d’india.

I primi cenni storici sulla fiera sono stati trovati negli elenchi delle fiere angioine, è infatti tra le più antiche della Provincia di Bari. Sin dagli albori la fiera del Caroseno è stata inquadrata come fiera agricola e di casalinghi. Era occasione per i cittadini dell’epoca per acquistare e cretaglie come vasi, piatti, tegami e pignate. Era anche occasione di vendita dei primi fichi d’india al dettaglio che venivano in quel periodo a maturazione.

Fonte: Comune di Castellana Grotte 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *